Passa ai contenuti principali

Il mistero della fenice anche in versione cartacea!



 
Finalmente il mio romanzo fantasy, Il mistero della fenice, è uscito anche in cartaceo!
Potete trovarlo in vendita presso i negozi on line di Amazon e StreetLib.
Per maggiori informazioni sul mio libro cliccate qui.

Intanto, per incuriosirvi, vi lascio un piccolo estratto:

“-Lei dov’è?- 
-Dove tu non potrai trovarla.- sussurrò Gabrielle imperturbabile. 
Charles Artois sorrise sinistramente. 
-La troverò, e tu non potrai fare nulla per fermarmi.- poi alzò la voce in modo che tutti potessero sentirlo –Gabrielle Lancrè, ti accuso di avere attentato alla mia vita. Il capitano La Motte ti scorterà nelle prigioni della città, dove sarai processata e condannata secondo le leggi di Moussac. La stessa sorte toccherà anche a tua figlia.- 
Gabrielle rimase immobile come una statua, fissando quell’uomo malvagio che anni addietro le aveva rubato la purezza contro la sua volontà.  
La sete di potere che già allora lo consumava lo aveva trasformato in un essere crudele e senza cuore, un corpo ormai privo di anima.”

Commenti

Francesca A. Vanni ha detto…
Evviva, sono felice per te.
Vai avanti così :-)
Ti faccio +1
Baci, Franny
Olivia Hessen ha detto…
Sììììììììì!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Sono felicissima per te sorellina web numero 2!
Baciozzi!!!!
Mary Fisher ha detto…
È sempre una soddisfazione quando si pubblica un libro.
Ti lascio il link del blog del nostro collettivo, nel caso volessi farci visita!
Buon weekend!

https://maryfisherbooks.blogspot.it/
Sugar Free ha detto…
Brava!!!! Allora metto anche il prezzo del cartaceo nella mia recensione che uscirà a breve :-)
TVB
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie a tutti per i vostri commenti!

Post popolari in questo blog

Post leggero leggero...

Il vecchio e il bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera.
La polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera.

L'immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo il tetro contorno di torri di fumo.

I due camminavano, il giorno cadeva
il vecchio parlava e piano piangeva
con l'anima assente, con gli occhi bagnati
seguiva il ricordo di miti passati. I vecchi subiscon le ingiurie degli anni
non sanno distinguere il vero dai sogni
i vecchi non sanno nel loro pensiero
distinguer nei sogni il falso dal vero.

E il vecchio diceva guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano.
Immagina i frutti, immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori"

"E in questa pianura, fin dove si perde
crescevano gli alberi e tutto era verde
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell'uomo e delle stagioni."

Il bimbo ristette, lo sguardo e…

Era meglio se restavo figlia unica!