Passa ai contenuti principali

Happy Halloween!



 

Bene, bene, finalmente arriva Halloween!
Lo so che non si dovrebbe festeggiare perché è una festa americana (o meglio, irlandese ma commercializzata dagli americani, come ho imparato dall’ultimo libro della mia amica blogger Francesca A. Vanni) però a me non importa.
Se c’è da festeggiare, io ci sono!

Questa sera me ne vado a mangiare una bella pizza e poi vedere IT, ma intanto faccio a tutti voi auguri pieni di brividi e vi lascio il video della mia canzone di Halloween preferita!

Commenti

Auguri anche se in ritardo :-)))
Francesca A. Vanni ha detto…
Ciao bella, spero ti sia divertita!
Baci
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie ragazzi, un bacio e se potete andate a vedere il film che è fantastico!!!
Mariella ha detto…
It anche no, Lucrezia ahahah
iacoponivincenzo ha detto…
Auguri, streghetta anche se ritardosi però ti raggiungano ugualmente.
Invidio la tua visualizzazione di IT,
ma non sarà mai stato carico di suspence come il cartaceo.
Ciao fanzulletta vezzosa.
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Beh magistro, il cartaceo è incomprabile ma anche questo nuovo film ci sta tutto.
Baci :-)
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Sì, è fantastico!!!

Post popolari in questo blog

Post leggero leggero...

Il vecchio e il bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera.
La polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera.

L'immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo il tetro contorno di torri di fumo.

I due camminavano, il giorno cadeva
il vecchio parlava e piano piangeva
con l'anima assente, con gli occhi bagnati
seguiva il ricordo di miti passati. I vecchi subiscon le ingiurie degli anni
non sanno distinguere il vero dai sogni
i vecchi non sanno nel loro pensiero
distinguer nei sogni il falso dal vero.

E il vecchio diceva guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano.
Immagina i frutti, immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori"

"E in questa pianura, fin dove si perde
crescevano gli alberi e tutto era verde
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell'uomo e delle stagioni."

Il bimbo ristette, lo sguardo e…

Era meglio se restavo figlia unica!