Passa ai contenuti principali

Da grande...

Alla fine ce l’ho fatta, grazie a tutti per i vostri auguri.
Ho preso un 8 e mi sta bene così, anche perché quella versione di “sostanze maleodoranti di color marrone” non la voglio più vedere in vita mia e se mi capita alla maturità potrei diventare così:

 
Detto questo, compreso il fatto che se domenica non nevica ucciderò tutti i meteorologi d’Italia, finalmente ci sono.
Ho capito cosa fare dopo la maturità, “da grande” (ma che, c’è un’età prestabilita per essere grandi?).
Niente Austria, rimango nella mia bella città qui in Alto Adige fra i miei monti e con la mia famiglia (datemi della mammona, ma se ho l’università qui a costo zero che ci vado in bici o in treno e la mamma che mi sveglia la mattina con un bacino... ma che cavolo me ne vado a fare? Sono scema?) e andrò alla Libera Università (sede di Bressanone, però!) a studiare Scienze della Comunicazione e Cultura.

Intanto, prima di compilare gli ultimi moduli dell’iscrizione on line che arrivano a fine mese (poi pure quella cartacea, che palle la burocrazia) vado ad aiutare mio fratello con latino (lui è ancora al secondo anno e fa lo scientifico, ma che ne vuole sapere delle difficoltà del terzo anno!).
Un bacio a tutti!


Commenti

vanessa varini ha detto…
Oh abiti in Trentino Alto Adige, che bello!😊 Concordo assolutamente con la tua scelta, se hai il vantaggio di avere un'università che desideri fare vicino a casa tua perché trasferirsi altrove? Un abbraccio!💜
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Sì, io abito a Bolzano e adoro la mia città!!!!
Appunto, ma perché andare via?
Passo a vedere che hai scritto.
Baci ;-)
Lucrezia Ruggeri ha detto…
No niente, sono scema. Da te sono già passata!!!
iacoponivincenzo ha detto…
Hai preso 8, brava!
In che? Latino?
Ma tu fai il classico o lo scientifico?
Come stai messa con l'Italiano?
Mi pare che ti esprimi bene, alla maturità dovresti farcela. Io te lo auguro così durante l'estate non stai col muso sui libri e magari ti trovi un ragazzo.
Ciao Lucrezia
VIN
Francesca A. Vanni ha detto…
Sono contenta per la tua scelta, spazio all'eccellenza italiana!
Un abbraccio :-)
Ofelia Deville ha detto…
Fidati ragazza, hai fatto la scelta giusta: già di per sé l'università costa, scegliere quindi di studiare vicino casa è un'ottima idea.
Quando feci io l'università purtroppo fui costretta a cambiare città e fu un piccolo trauma per le spese, la solitudine, la gente nuova... e non credere a chi ti dice che solo andando fuori farai nuove esperienze. Farai nuove esperienze e ti renderai autonoma anche studiando nella tua città.
A presto!

ps: condividiamo una passione per Gordon. Hai visto i Pantellas?
Mariella ha detto…
Ti adoro fanciulla. Pensa che io mi sono dovuta spostare di quasi 900 km per poter studiare. Dopo una decina d'anni l'Università è arrivata anche a casa mia (dietro casa mia e non in senso metaforico). Come sarebbe stata diversa la mia vita se fossi rimasta a casa...
Copmlimenti per voto e per la scelta della facoltà.
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Vecchiettino mio, mi perdi i colpi!
Ho preso 8 in greco, con Tucidide :-) e faccio il classico. È la mia amica Sugar Free (quella che recensice i libri) che va al 3 anno dello scientifico.
In italiano ho 9, e meno male visto che scrivo anche libri! (vedi l'etichetta "I libri di Luzia").
Grazie per gli auguri, smack!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie e tanti baci!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Immagino che non deve essere stato facile e per questo ti ammiro tanto.
Certo che so chi sono iPantellas, sono geniali!
Baci
Lucrezia Ruggeri ha detto…
900 km?! Accidenti che trauma, sei stata molto coraggiosa!
Ti ammiro tantissimo.
Baci!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie mille :-)

Post popolari in questo blog

Era meglio se restavo figlia unica!

Segnalazione del libro "Un giorno ad Armonia vol. 2"

Doppia segnalazione: "L'Imperatrice della tredicesima terra" di Ilaria Vecchietti e "Chiamami col tuo nome" di André Aciman