Passa ai contenuti principali

Ricominciamo da noi



Eccomi qua!
Incredibile, ma nonostante gli impegni scolastici sono riuscita a scrivere un romantico racconto natalizio che vede per protagoniste due donne forti e coraggiose.

Melody Ross è una donna fragile, alla quale la vita non ha risparmiato terribili sofferenze.
Poi un giorno commette un errore, lo sbaglio più grande.
E mentre la sua vita è sospesa in un letto d’ospedale, Melody non può fare a meno di chiedersi cosa sarebbe successo se non avesse commesso quello sbaglio e se non avesse perso Holly.

Se volete sapere come va a finire il mio racconto, “Ricominciamo da noi”, allora lo troverete su Amazon, Kobo, IBS, StreetLib Stores e in tanti, ma tanti, altri negozi!




Commenti

MikiMoz ha detto…
Non è il mio genere ma ti faccio comunque i miei complimenti^^

Moz-
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie lo stesso!!!
Francesca A. Vanni ha detto…
Brava, mi complimento con te!
Mariella ha detto…
Ma bravissima!
Una storia drammatica che sembra anche dar spazio a riflessioni profonde del tuo personaggio. Un racconto che promette di essere interessante e pieno di spunti per meditare su molti aspetti della vita.
Olivia Hessen ha detto…
Brava tesorina, sono felice per te!!!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie bella!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie, i tuoi complimenti mi fanno sempre tanto piacere :-)
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Io ho fatto del mio meglio, speriamo che piaccia!
Grazie per l'interesse :-)
Lucrezia Ruggeri ha detto…
Grazie!!!!!!

Post popolari in questo blog

Post leggero leggero...

Il vecchio e il bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera.
La polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera.

L'immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo il tetro contorno di torri di fumo.

I due camminavano, il giorno cadeva
il vecchio parlava e piano piangeva
con l'anima assente, con gli occhi bagnati
seguiva il ricordo di miti passati. I vecchi subiscon le ingiurie degli anni
non sanno distinguere il vero dai sogni
i vecchi non sanno nel loro pensiero
distinguer nei sogni il falso dal vero.

E il vecchio diceva guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano.
Immagina i frutti, immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori"

"E in questa pianura, fin dove si perde
crescevano gli alberi e tutto era verde
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell'uomo e delle stagioni."

Il bimbo ristette, lo sguardo e…

Era meglio se restavo figlia unica!