Passa ai contenuti principali

Post leggero leggero...



Un posticino leggero leggero, in questo maggio di fuoco, ovviamente nel senso dello studio perché c'è un tempo da schifo.
E voi, che tipi da bagno siete?

Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
Dunque, io sono il tipico lettore da bagno. Mi porto dietro qualcosa da leggere e mi metto bello comodo :D.

Il ritardatario mi ha inquietato un po' xD, così come l'esibizione canora della cantante.
Davvero divertenti i Pantellas :-)))
MikiMoz ha detto…
Ahahah!
Io sicuramente cantante (in Puglia, però, non in Abruzzo: qua canto mentre finisco di aggiustarmi) e lettore XD

Moz-
Francesca A. Vanni ha detto…
Bellissimo video!
Dai, ora rilassati e rimani così fino aagli esami che sei più che pronta ;-)
Ofelia Deville ha detto…
Ho riso tantissimo con questo video, io sono il tipo da bagno "vasca con tanta schiuma, telefono spento e un libro da leggere"
Un abbraccio
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Riccardo Giannini
A me ha inquietato anche la trasformazione della nonna!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Daniele Verzetti
Sì sono un integratore di allegria!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Francesca A. Vanni
Tesa, io? Ma figurati, sono giusto tesissima!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Ofelia Deville
Giusto. E nessun fratello minore che ti bussa alla porta dicendo "esci o no" e magari tu sei in vasca da due minuti!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@MikiMoz
Scusa, ti avevo perso!
Beh, io voglio sentirti cantare :-)
Incidi un disco!

Post popolari in questo blog

Il vecchio e il bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera.
La polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera.

L'immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo il tetro contorno di torri di fumo.

I due camminavano, il giorno cadeva
il vecchio parlava e piano piangeva
con l'anima assente, con gli occhi bagnati
seguiva il ricordo di miti passati. I vecchi subiscon le ingiurie degli anni
non sanno distinguere il vero dai sogni
i vecchi non sanno nel loro pensiero
distinguer nei sogni il falso dal vero.

E il vecchio diceva guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano.
Immagina i frutti, immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori"

"E in questa pianura, fin dove si perde
crescevano gli alberi e tutto era verde
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell'uomo e delle stagioni."

Il bimbo ristette, lo sguardo e…

Era meglio se restavo figlia unica!