Passa ai contenuti principali

Farfalla di vetro (di Meira Delmar)


Vieni a guardare con me
la fine della pioggia.
Cadono le ultime gocce come
diamanti staccatisi
dalla corona dell'inverno,
e torna a essere
nuda l'aria.
Presto un raggio di sole
accenderà il verde
del cortile,
e salteranno sul prato
ancora una volta gli uccelli.
Vieni con me e infilziamo l'istante
- farfalla di vetro -
su questa pagina.
(Meira Delmar)
 


Commenti

Riccardo Giannini ha detto…
La pioggia d'estate è bellissima. Porta il fresco e poi quando ci lascia, c'è quell'effetto che descrive questa bella poesia: il verde ravvivato dai raggi del sole (e ravvivato anche dall'effetto bagnato, dopo la secca precedente).

Di inverno e autunno è meno piacevole, ma comunque importante per il benessere della natura.

Francesca A. Vanni ha detto…
Una poesia bellissima, mi ha commossa!
Un abbraccio.
Anke Agata Russo ha detto…
Bellissima!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Riccardo Giannini
Dove vivo io la pioggia in estate è splendida, quando cade sulle montagne.
In inverno però, neve e neve!
Lucrezia Ruggeri ha detto…
@Francesca A. Vanni e Anke Agata Russo
Grazie per averla apprezzata.
Baci!
Ofelia Deville ha detto…
Bella e delicata, questa poesia, come la pioggerellina descritta nei suoi versi :-)
Versi che accarezzano l'anima.
Olivia Hessen ha detto…
Una poesia delicatissima!
Grazie per il codice htmel dei libri, adesso lo applico anche io al blog :-)
Baci

Post popolari in questo blog

Post leggero leggero...

Il vecchio e il bambino

Un vecchio e un bambino si preser per mano
e andarono insieme incontro alla sera.
La polvere rossa si alzava lontano
e il sole brillava di luce non vera.

L'immensa pianura sembrava arrivare
fin dove l'occhio di un uomo poteva guardare
e tutto d'intorno non c'era nessuno
solo il tetro contorno di torri di fumo.

I due camminavano, il giorno cadeva
il vecchio parlava e piano piangeva
con l'anima assente, con gli occhi bagnati
seguiva il ricordo di miti passati. I vecchi subiscon le ingiurie degli anni
non sanno distinguere il vero dai sogni
i vecchi non sanno nel loro pensiero
distinguer nei sogni il falso dal vero.

E il vecchio diceva guardando lontano:
"Immagina questo coperto di grano.
Immagina i frutti, immagina i fiori
e pensa alle voci e pensa ai colori"

"E in questa pianura, fin dove si perde
crescevano gli alberi e tutto era verde
cadeva la pioggia, segnavano i soli
il ritmo dell'uomo e delle stagioni."

Il bimbo ristette, lo sguardo e…

Era meglio se restavo figlia unica!